Slot Invaders: la data inchiesta sbarca a Genova su Il Secolo XIX

This post is also avai­la­ble in: Inglese

Continua a livel­lo loca­le la nostra data inchie­sta sul­le slot machi­ne in Italia, a par­ti­re dal data­set del­le auto­riz­za­zio­ni rila­scia­te agli eser­ci­zi com­mer­cia­li dall’AAMS. Dopo un pri­mo capi­to­lo di respi­ro nazio­na­le pub­bli­ca­to su Wired Italia (sul sito e sul car­ta­ceo di que­sto mese di luglio), basa­to sui dati com­ple­ti del 2012, ci sia­mo spo­sta­ti sul loca­le, dimi­nuen­do l’ampiezza dell’inchiesta, ma aumen­tan­do­ne il det­ta­glio.

Lunedì 22 e Martedì 23 Slot Invaders è sta­ta l’apertura del car­ta­ceo de Il Secolo XIX di Genova, con un’inchie­sta in due atti sul­la real­tà del­le slot machi­ne nel capo­luo­go ligu­re.

Il pri­mo gior­no abbia­mo mostra­to la distri­bu­zio­ne degli eser­ci­zi auto­riz­za­ti a instal­la­re Newslot e Videolottery sul ter­ri­to­rio comu­na­le, con il cal­co­lo del­la con­cen­tra­zio­ne degli eser­ci­zi sul­la popo­la­zio­ne, clas­si­fi­che del­le cir­co­scri­zio­ni, distri­bu­zio­ne del­le slot per tipo­lo­gia di eser­ci­zio, ecc.

La doppia pagina dedicata alla prima parte dell'inchiesta Slot Invaders sulle slot machine a Genova | Il Secolo XIX | 22 luglio 2013

La dop­pia pagi­na dedi­ca­ta alla pri­ma par­te dell’inchiesta Slot Invaders sul­le slot machi­ne a Genova | Il Secolo XIX | 22 luglio 2013

La mera­vi­glio­sa gra­fi­ca del­le pagi­ne è dell’art direc­tor del gior­na­le, quel Massimo Gentile già gra­di­tis­si­mo ospi­te del nostro Dataninja Lab.

Il secon­do gior­no ci sia­mo con­cen­tra­ti sul rego­la­men­to comu­na­le in meri­to alle nuo­ve instal­la­zio­ni di eser­ci­zi dedi­ca­ti al gio­co del­le slot, entra­to in vigo­re da poche set­ti­ma­ne e mol­to restrit­ti­vo per quan­to riguar­da le distan­ze mini­me da luo­ghi sen­si­bi­li come gli isti­tu­ti sco­la­sti­ci. A par­ti­re dal­la posi­zio­ne di tut­ti gli eser­ci­zi auto­riz­za­ti che dovran­no sot­to­sta­re al nuo­vo rego­la­men­to (che, va det­to, non è retroat­ti­vo, ma si appli­che­rà ai loca­li già esi­sten­ti solo dal pros­si­mo rin­no­vo del­la licen­za) e dal­la posi­zio­ne di tut­te le scuo­le di Genova (gra­zie all’ana­gra­fe del MIUR e a Mitecube che le ha geo­lo­ca­liz­za­te per il pro­get­to Voglioilruolo) abbia­mo mostra­to come l’86% degli eser­ci­zi attua­li sia fuo­ri leg­ge, cioè sor­ga a una distan­za infe­rio­re a 300 metri da alme­no una scuo­la. Ma che, in ogni caso, gli eser­ci­zi inte­res­sa­ti sono solo il 7,6% di tut­ti quel­li auto­riz­za­ti a instal­la­re slot (per lo più bar e tabac­chi).

La seconda parte dell'inchiesta Slot Invaders sulle slot machine a Genova | Il Secolo XIX | 22 luglio 2013

La secon­da par­te dell’inchiesta Slot Invaders sul­le slot machi­ne a Genova | Il Secolo XIX | 23 luglio 2013

Fulcro del­la par­te digi­ta­le dell’inchiesta è la map­pa inte­rat­ti­va che per­met­te ai cit­ta­di­ni di esplo­ra­re l’intero data­set, com­men­ta­re e segna­la­re sto­rie e dati, veri­fi­ca­re le distan­ze tra scuo­le e slot. Il tut­to fat­to con Google Maps e Google Fusion Tables, sfrut­tan­do oppor­tu­na­men­te le API che met­to­no a dispo­si­zio­ne, insie­me alle libre­rie jQuery e jQueryUI.

mappa_azzardo_genova

Screenshot del­la map­pa inte­rat­ti­va pub­bli­ca­ta sul sito de Il Secolo XIX

La map­pa mostra con tre diver­si mar­ker gli eser­ci­zi dedi­ca­ti (pal­lot­to ros­so con il pun­ti­no), gli altri eser­ci­zi auto­riz­za­ti (pal­li­no gial­lo), le scuo­le pri­ma­rie e secon­da­rie (pal­li­no ros­so pic­co­lo). Queste ulti­me appa­io­no solo quan­do cer­ca­te espli­ci­ta­men­te e la map­pa è zoo­ma­ta. Ecco le altre carat­te­ri­sti­che chia­ve dell’applicazione:

  • fil­tro per tipo­lo­gia di eser­ci­zi (menù a ten­di­na);
  • ricer­ca per nome eser­ci­zio, via, nome scuo­la (testo libe­ro con auto­com­ple­ta­men­to);
  • misu­ra del­la distan­za attor­no a slot e scuo­le (cer­chio ros­so di 300 metri di rag­gio al click sul mar­ker, con distan­za modi­fi­ca­bi­le);
  • info win­dow al click sul mar­ker con det­ta­gli e pul­san­ti di con­di­vi­sio­ne e feed­back;
  • URL uni­co asso­cia­to a ogni sin­go­lo mar­ker, che mostra la map­pa già zoo­ma­ta e cen­tra­ta sull’esercizio / scuo­la relativo/a;
  • testi di post su face­book e tweet per­so­na­liz­za­ti con le info del sin­go­lo eser­ci­zio / scuo­la, inclu­so l’URL diret­to;
  • segna­la­zio­ne di erro­ri o nuo­ve info median­te mes­sag­gio mail pre­com­pi­la­to.

Tutto ciò per­met­te agli uten­ti e ai cit­ta­di­ni di Genova di rispon­de­re facil­men­te a mol­te doman­de:

  • che occa­sio­ni di gio­co ci sono vici­no a casa mia?
  • dove potreb­be gio­ca­re mio figlio all’entrata / usci­ta dal­la sua scuo­la?
  • nel­la map­pa c’è anche il mio bar pre­fe­ri­to?
  • il tabac­chi con slot in cui vado sem­pre è auto­riz­za­to?
  • il mio loca­le è nel posto sba­glia­to, pos­so cor­reg­ger­ne la posi­zio­ne?
  • ho una bel­la / brut­ta espe­rien­za da rac­con­ta­re sull’argomento, pos­so con­di­vi­der­la lin­kan­do diret­ta­men­te il loca­le in cui si è svol­ta?

Più di una visua­liz­za­zio­ne di dati, quin­di, ma un vero e pro­prio ser­vi­zio al cit­ta­di­no. Perfettibile da un pun­to di vista tec­ni­co, non c’è dub­bio, ma con alla base, for­se, pro­prio i prin­ci­pi miglio­ri e più inte­res­san­ti del data jour­na­li­sm: visua­liz­za­zio­ne di dati nume­ro­si e a più dimen­sio­ni acces­si­bi­le a tut­ti, sco­per­ta di noti­zie (e quin­di pro­du­zio­ne e ven­di­ta di pez­zi e soprat­tut­to tito­li), offer­ta di un ser­vi­zio pub­bli­co al cit­ta­di­no, col­le­ga­men­to con altri sta­ke­hol­ders (gior­na­li­sti, ma non solo) sul­la base di un tema di inte­res­se comu­ne e di dati quan­ti­ta­ti­vi, uti­li a mol­ti e in mol­ti modi.

Qualche esem­pio? Tra le pagi­ne del Secolo dedi­ca­te all’inchiesta sono pre­sen­ti anche pez­zi di altri gior­na­li­sti del gior­na­le, che si occu­pa­no da tem­po del­la que­stio­ne. Un’ulteriore indi­ca­zio­ne (per quan­to pic­co­la) la si può ave­re dan­do un’occhiata al dibat­ti­to che si è acce­so sul­la pagi­na Facebook del Secolo XIX (con tan­to di inter­ven­to isti­tu­zio­na­le dell’Assessore allo Sviluppo Economico) e dell’arti­co­lo sul sito che ne è deri­va­to.

In più, tut­ti i dati dell’inchiesta Slot Invaders sono dispo­ni­bi­li in CC-BY 3.0 sul blog dedi­ca­to, dove sono anche pre­sen­ti i nostri com­men­ti, i nostri con­tat­ti, tut­te le usci­te sui gior­na­li ed even­tua­le mate­ria­le aggiun­ti­vo che non ha tro­va­to spa­zio sui pez­zi pub­bli­ca­ti.

That’s all, folks! Ma il cam­mi­no di #slo­tin­va­ders con­ti­nua… stay tuned!

Alessio Cimarelli

Alessio Cimarelli

Data scientist at Dataninja
Sono giornalista free-lance, data scientist e sviluppatore web. Dopo la lau­rea in fisica all’Università Sapienza di Roma, ho con­se­guito il master in Comunicazione della Scienza alla SISSA di Trieste e ho comin­ciato a girare l’Italia, tra gior­na­li­, uffici stampa e ricerca pura. Sono co-fondatore di dataninja.it e datamediahub.it e attualmente collaboro con varie testate ita­liane (Wired, L'Espresso, Secolo XIX) e alcune agen­zie edi­to­riali in ambito di data jour­na­lism e svi­luppo web. Sono mem­bro della comu­nità Spaghetti Open Data e ormai scrivo quasi più in java­script e python che in ita­liano o inglese.
Alessio Cimarelli